fbpx
Seleziona una pagina

Compilare la domanda di ammissione al Servizio Civile appare scontato a molti. Negli anni, però, ne ho viste un’infinità piene di errori. In effetti non è così semplice capire precisamente come compilare  la domanda in modo corretto.

Spesso questi errori si comprendono quando ormai è tardi, cioè al momento del colloquio (che è obbligatorio)!
Ho deciso di darti delle istruzioni passo passo per compilare la domanda di ammissione al servizio civile senza commettere nessun errore.

Pronto a scoprirle? Via…

La persona saggia non è quella che fa meno errori. È quella che impara di più dagli errori.
– Harvey B. Mackay

Prima due importantissime premesse. 

Uno. Qui parliamo di come compilare la domanda di servizio civile. Se non sai molto del servizio civile prima devi assolutamente leggere la guida sul servizio civile in Italia o quella sul servizio civile all’estero.

É molto importante capire prima di tutto come scegliere bene un progetto di servizio civile,

altrimenti le possibilità di essere selezionati diminuiscono molto. Fidati. 

Due. A partire dal 2018 il servizio civile ha cambiato nome. Dal Servizio Civile Nazionale siamo passati al nuovo Servizio Civile Universale.Come in passato, comunque, il servizio civile continua a funzionare attraverso la pubblicazione di bandi. Quindi si può fare domanda solo quando c’è un bando aperto. Questi aspetti li trovi in dettaglio nella guida sul servizio civile. Però, prima di pensare alla domanda di ammissione al servizio civile, è meglio conoscere bene le differenze e le novità introdotte dal Servizio Civile Universale.

Bene, passiamo a compilare la domanda di ammissione al servizio civile.

Prima di tutto devi scaricare il modulo.

Lo trovi nella pagina dedicata alla notizia del bando in corso sul sito nazionale del serviziocivile. Per non sbagliarti utilizza quello. Di solito si trova nella pagina in fondo alla notizia. Più o meno come puoi vedere qui:

Allegato Domanda di ammissione al servizio civile

Il modulo di domanda è sempre molto simile per ogni bando di servizio civile, ma tu

devi fare massima attenzione a scaricare ed utilizzare il modulo di domanda del bando in corso.

Spesso si cerca per parole chiave sul web “modulo di domanda servizio civile”. Quel che viene fuori nei primi risultati potrebbe non essere il modulo ufficiale del bando in corso. Anzi, spesso nei motori di ricerca appaiono i moduli degli anni o dei bandi precedenti che, ufficialmente, NON vanno bene. 

A proposito. Il Dipartimento del Servizio Civile, quando pubblica il bando su internet, usa numerare gli allegati (perché, ufficialmente, fanno parte del bando stesso) . Gli “allegati” che devi compilare per candidarti sono la Domanda di ammissione servizio civile e la Dichiarazione titoli, di cui ti parlo in quest’altro articolo. Dal 2018 è stato aggiunto anche un altro allegato da firmare e consegnare: il modulo dell’ Informativa privacy.

Dovrai compilare e consegnare tutti questi moduli perché la tua domanda sia valida. Partiamo quindi dalla compilazione del primo: la DOMANDA di ammissione.

Come ti dicevo, specie nel bando ordinario (cioè quello che solitamente ha il  maggior numero di posti e viene pubblicato una volta all’anno), le parti principali di questo Allegato sono quasi sempre identiche.

Ho deciso di suddividere il modulo di domanda di ammissione al servizio civile in 5 parti, in modo da illustrarti i consigli principali punto per punto. Questi punti sono praticamente sempre stati presenti  nei moduli di domanda di ammissione a tutti i principali bandi di servizio civile. Se noti delle nuove domande o delle differenze particolari nei prossimi bandi, non esitare a chiedermi chiarimenti nei COMMENTI sotto l’articolo.

Passiamo quindi a trattare la 

Prima parte della domanda di ammissione al servizio civile (intestazione).

Domanda di ammissione al servizio civile

Devi fare attenzione a indirizzare la domanda alla SEDE effettiva in cui si realizza il progetto a cui ti candidi. Prima (ho detto prima!) devi aver scelto il progetto, come ti ho spiegato nella guida alla scelta del progetto. Poi devi cercare le indicazioni sulla sede di consegna della domanda nel sito dell’ente che gestisce direttamente il progetto che hai scelto.

Considera che di sono enti di livello nazionale che possono avere sedi di consegna della domanda diverse per ogni progetto. Oppure possono esserci enti pubblici con tante sedi di progetto diverse ma con un solo punto di consegna delle domande  per tutti i loro progetti (pensa ai Comuni che spesso devono utilizzare la sede del “Protocollo Generale”).

Insomma, a volte, la sede di consegna della domanda coincide con la sede in cui verrà effettivamente realizzato il progetto. A volte è da tutt’altra parte (e non solo per i progetti all’estero!). Per non rischiare controlla esattamente l’indirizzo della sede di consegna che l’ente ha indicato nel suo sito per la specifica sede di progetto che hai scelto. Sei hai qualche dubbio, chiama prima l’ente piuttosto che rischiare. 

Bene, direi che a questo punto possiamo passare alla

Seconda parte della domanda di ammissione al servizio civile (“CHIEDE”).

Domanda di ammissione al servizio civile 2

Qui devi inserire due informazioni: la sede e il titolo del progetto. Scontato?? Mica tanto, a giudicare dalle tante domande compilate che ho visto passare sotto i miei occhi!

Riguardo la sede, facciamo subito qualche esempio, così ci capiamo al volo.

1. Ente SIMPATIA ONLUS BOLOGNA

Titolo progetto AIUTIAMO COL SORRISO 

Sede di realizzazione BOLOGNA, Via tal dei tali…

Qui non c’è nessun dubbio: un progetto così ha una sola sede, quindi basta riportare quella.

2. Ente COORDINAMENTO NAZIONALE DELLA SIMPATIA 

Progetto AIUTIAMO A SORRIDERE 2018

Sedi di realizzazione: 

BOLOGNA, Via tal dei tali…

FOGGIA, Via tal dei tali…

ROMA, Via tal dei tali…

MILANO, Via tal dei tali…

Qui, invece, si tratta del progetto di un ente (magari più grande) con sedi in più città. Dovrai allora specificare bene il Comune, specialmente se hanno una stessa sede di consegna della domanda, come avviene per molti enti di livello nazionale, che ricevono spesso tutte le domande nella loro sede centrale.

3. Ente SIMPATIA EMILIA ROMAGNA

Progetto PIU’ SORRISO PER TUTTI 

Sedi di realizzazione: 

BOLOGNA, Via tal dei tali…

PARMA, Via Tizio di Parma

BOLOGNA, Via Tizio&Caio…

PARMA, Piazza Caio&Sempronio

BOLOGNA, Piazza Maggiore…

In questo esempio il progetto ha più sedi di realizzazione in uno stesso comune. In questo caso specifica bene tutto l’indirizzo della sede di realizzazione che scegli, oltre che il comune.

I colloqui di selezione vengono fatti per sede. C’è poi una graduatoria dei candidati per ogni sede di servizio. Quindi, se non la specifichi precisamente, non sapranno per quale sede contattarti e la domanda potrebbe non essere considerata valida.

Altra precisazione. Dopo “per il seguente progetto” inserisci esattamente il titolo del progetto. Diciture generiche come “servizio civile 2018”, “progetto servizio civile” “servizio civile con [nome dell’ente]” NON sono il titolo del progetto!

Forse ti sembrerà difficile da credere ma ne ho viste un sacco di volte.Durante il colloquio potrebbero essere clementi e fartelo correggere. Ti assicuro, però, che è meglio evitare di fare questa “bella” figura durante il colloquio.

Ora di passare alla 

Terza parte della domanda di ammissione al servizio civile (“DICHIARA”)

Domanda di ammissione al servizio civile 3

Direi che questa, probabilmente è la parte più semplice. Ormai da qualche anno il servizio civile non prevede più il requisito della cittadinanza italiana. Tutti possono fare domanda: italiani, cittadini dell’Unione Europea e cittadini extra UE (in quest’ultimo caso occorre un permesso di soggiorno valido).

Non chiedermi perché ma, come avrai notato, se sei sposato/a, occorre indicare anche il codice fiscale della tua dolce metà. 

Ehm, chiaramente, se hai commesso uno degli illeciti che vedi nell’ultimo paragrafo, è inutile che continui a compilare.

E siamo arrivati così ad uno dei punti più complicati, quello che si trova nella 

Quarta parte della domanda di ammissione al servizio civile (“DICHIARA INOLTRE”)

Domanda di ammissione servizio civile 4

In teoria, in questa parte c’è semplicemente da barrare una voce nei due punti. In pratica, forse per la sintassi un po’ “complessa”, forse perché ancora non si conoscono tanti aspetti del funzionamento del servizio civile quando si fa domanda, quasi tutti si chiedono

Ma cosa significano esattamente queste frasi in questo punto della domanda??

Dov’è che devo barrare??

Ti spiego.

Come ti dicevo, si fa una graduatoria per ogni sede di progetto. Ipotizziamo che, nella sede di progetto in cui ti candidi, ci siano 3 posti disponibili. Se sei tra i primi 3 in graduatoria risulti idoneo selezionato e parteciperai sicuramente al progetto che hai scelto nella sede che hai scelto (tranne se decidi di rinunciare per tuoi motivi). 

Se, invece, nella graduatoria sei in una posizione “più bassa” dei posti disponibili, accanto al tuo nome leggerai idoneo NON selezionato. Significa che sei stato valutato idoneo per quel progetto. Ma viene data la precedenza a chi ha preso più punti. In base alla graduatoria, appunto. 

Cosa succede se qualcuno dei primi 3 rinuncia, per qualche motivo, al progetto? L’ente può contattare gli idonei non selezionati.

Riprendendo il nostro esempio, se tu arrivassi quarto in graduatoria, in una sede con 3 posti disponibili, saresti il primo degli idonei non selezionati. Ovvero il primo a poter essere contattato per un “subentro” (tecnicamente si chiama così). 

Ma attenzione: 

l’ente può contattarti per “subentrare” a seguito di qualche rinuncia SOLO se (nella prima opzione) hai cancellato la voce “di non essere disponibile” 

Altrimenti, l’ente dovrebbe teoricamente “lasciarti in pace” e passare al successivo in graduatoria. In questo caso, se si fosse liberato un posto, potresti non venire neppure a saperlo.

Considera che non hai nulla da perdere dando la disponibilità. Il subentro può avvenire fino ai primi tre mesi di avvio del progetto. Però, se tu hai altri programmi o hai cambiato idea puoi tranquillamente rinunciare senza nessuna conseguenza. Potrai tranquillamente partecipare anche a futuri bandi di servizio civile.

Il mio consiglio, perciò, specialmente nel primo caso, è di cancellare sempre questa voce, così:

  • di essere disponibile / di non essere disponibile, qualora in seguito alle selezioni….

In questo modo sei sicuro che l’ente potrà contattarti per subentrare, eventualmente, nel progetto che avevi scelto.

E cosa c’è di diverso nel secondo caso (quello del secondo capoverso)?

Beh, ti viene richiesta sempre la disponibilità ad essere contattato nel caso ci siano dei posti disponibili ma

NON per il progetto che avevi scelto

Ti viene richiesto se vuoi essere contattato per qualunque altro progetto  di servizio civile con posti liberi (anche con un altro ente o in un altro settore). 

In effetti, ci possono essere dei progetti che non hanno coperto tutti i posti disponibili. Magari hanno ricevuto poche candidature o hanno avuto molte rinunce. Possono essere progetti anche di enti diversi da quello del progetto che hai scelto. Si potrebbe trattare anche di settori molto diversi. In ogni caso, anche qui ti viene chiesta la disponibilità ad essere contattato per valutare un eventuale subentro.

Bada bene. Anche in questo caso, potrai tranquillamente rifiutare dopo essere stato contattato ed aver conosciuto il progetto in cui ti viene proposto il subentro. 

Perciò, tendenzialmente, ti consiglierei di lasciare la disponibilità ad essere contattato anche in questo secondo caso (cancellando “di non essere disponibile”).

Però qui è una scelta più personale. Potresti aver fatto domanda solo ed esclusivamente perché ti piaceva unicamente QUEL progetto, e non hai intenzione di valutare nessun’altra possibilità. In questo caso, inutile farti contattare.

Dimenticavo.

Possono contattarti sempre e solo se, in graduatoria, sei risultato IDONEO non selezionato.

Si perché, se il tuo punteggio non ha raggiunto la sufficienza, c’è la possibilità di essere valutato NON idoneo. Ma sono pronto a scommettere che nel tuo caso non succederà, soprattutto se utilizzerai il mio manuale su come superare il colloquio di servizio civile!

Se vuoi avere ancora più certezza di arrivare pronto al colloquio di servizio civile non perdere gli aggiornamenti che invio nelle mie newsletter. Se non hai ancora l’iscrizione, falla qui:

 

Ci siamo. É ora di passare alla 

Quinta parte della domanda di ammissione al servizio civile (“DICHIARA ALTRESì”).

domanda ammissione servizio civile

Qui non c’è da scegliere o barrare niente. Leggi bene, però, perché ci sono alcune condizioni molto precise da rispettare per non invalidare la domanda. Ci sono 7 punti. Vediamoli uno per uno.

Primo punto.

Non devi aver presentato nessun’altra domanda per nessun altro progetto all’interno dello stesso bando di servizio civile (o di un altro bando di servizio civile aperto in contemporanea). 

Il sistema che gestisce i dati riconosce immediatamente il tuo codice fiscale e verresti interdetto su tutte le candidature presentate.

Secondo punto.

Hai letto il progetto prima di fare la domanda?? Controlla bene soprattutto la parte in cui si parla delle attività del volontario. Se ce ne sono alcune che, palesemente, non potrai svolgere, al colloquio ti faranno notare che la domanda non è valida.

Questo punto è direttamente collegato al

l’ultimo (il settimo),

in cui si specifica ancora più chiaramente che sei consapevole di non trovarti “in condizioni che impediscono lo svolgimento delle stesse” (attività).

Il terzo e il quarto punto

sono forse i più semplici. Ti “avvisano” semplicemente che ti impegni a fornire dati per eventuali indagini sul servizio civile e che ti pagherai il viaggio se non sei residente nel comune in cui hai fatto domanda.

Sesto punto, fondamentale.

Magari conosci l’ente del progetto a cui vuoi candidarti. Ottimo. Ma se stai già lavorando per loro o ci hai lavorato l’anno prima per più di 3 mesi, la tua domanda non è valida. A volte capita che, chi fa domanda, non si accorge di essere in questa condizione.

Per esempio, hai lavorato per 4 mesi in AVIS a Roma l’anno scorso. Ora ti sei trasferito a Bologna. Hai visto un progetto di servizio civile in una sede AVIS di Bologna. Magari ti piace l’ambiente e sai che potresti trovarti bene. Al colloquio potresti raccontare anche della tua precedente esperienza in AVIS. Purtroppo, però, se l’ente titolare del progetto è sempre AVIS nazionale, la tua domanda non sarebbe valida. Anche se si tratta di altre persone, altro ufficio, altra città e regione!

Sebastiano, ma non stai dimenticando il quinto punto??

Eh no! l’ho lasciato alla fine perché è il più importante. Devi spiegare per quali motivi hai scelto il progetto.

Sia chiaro. Ognuno ha le sue motivazioni e, secondo me, non esistono motivazioni migliori delle altre. Le tue motivazioni devono essere soltanto tue.

Per questo mi piacerebbe non darti nessun suggerimento su questo punto.

Eddai Sebastiano… Ok, ti darò tre spunti per aiutarti a riflettere.

1. Sinceramente, quando durante i colloqui parte la “fiera del buonismo”, non è che mi faccia impazzire… Le frasi tipo:

Il progetto mi piace moltissimo (ma se non è nemmeno cominciato!)

Ho sempre voluto fare del bene agli altri

ecc. ecc.. lasciano un po’ il tempo che trovano. Il mio consiglio è, davvero: pensaci, pensaci e pensaci. Si, prenditi un po’ di tempo e pensaci sù seriamente per trovare le tue, vere e sincere, motivazioni.

2. Prova a indicare più di una motivazione. Un progetto di Servizio Civile dura fino a un anno e t’impegna almeno 25  ore a settimana. In questo non c’è molto di diverso da un lavoro. E non dirmi che, normalmente, una persona va a lavoro un anno intero con una sola motivazione!

3. Coerenza. Molti scelgono un progetto in un settore completamente diverso da quello che stanno facendo (o hanno fatto) nella vita. Per provare una strada diversa, perché c’era solo quello nella propria zona o per mille altri giustissimi motivi. Però, se da studiare ingegneria ora ti devi occupare di anziani in una casa di riposo, beh, almeno cerca di spiegare bene il perché. Se prima facevi tutt’altro, non è scontato capire subito (e credere!) che sei veramente motivato a tentare una strada molto diversa. Insomma, prova a metterti un po’ nella testa di chi ti farà il colloquio.

Ultimo consiglio. Come saprai il servizio civile si può fare solo una volta. Intendo il servizio civile Nazionale, che ora si chiama Universale. (Leggi l’ articolo per capire le differenze).

Se hai fatto il servizio civile tramite il programma Garanzia Giovani, però, puoi rifarlo. Ma solo se lo hai concluso. Se il progetto è ancora in corso, la domanda non sarà valida.

 

Bene, mancano data e firma. La firma va inserita a mano. A penna.

Tutto il resto, però, puoi compilarlo al computer, perché la domanda di ammissione al servizio civile è scaricabile in formato .doc e, sinceramente, ti consiglio di farlo.

Compila tutto al computer, lasciando in bianco solo la firma. Poi stampa e metti la tua bella firma autografa! La tua domanda di ammissione al servizio civile risulterà molto più ordinata e avrai un impatto più professionale al colloquio.

Non dimenticare di compilare BENE i recapiti per ricevere le comunicazioni, se non sono gli stessi che hai inserito prima. Se sei studente fuori sede, per esempio, magari la tua residenza è a chilometri di distanza. Meglio ricevere le comunicazioni al tuo domicilio, no? 

Soprattutto, controlla bene di inserire indirizzo mail e telefono corretti, perché sono i canali principali con cui ti avviseranno per le date dei colloqui. Come ti dicevo, meglio compilare al computer, così da non creare equivoci nei dati. I numeri di telefono, ma soprattutto gli indirizzi mail scritti a penna non sono sempre così facili da “interpretare”.

E con questo abbiamo davvero finito di compilare la domanda di ammissione al servizio civile!

Beh?? Ti sono stati utili questi consigli? Hai qualche altro dubbio come compilare la Domanda di ammissione al servizio civile? Fammelo sapere nei commenti qui sotto! 

Se ti è stata utile questa guida, allora ti chiedo il favore di… CONDIVIDERE! Grazie mille.

Iscriviti alla Newsletter...

Ricevi articoli od opportunità su 

Servizio civile, Esperienze internazionali e Buoni consigli su Antropologia e carriera.

In regalo L'ESTRATTO DI PARTI QUANDO VUOI,

il manuale su come partecipare gratis a

Corsi di formazione, Scambi Internazionali e Viaggi Studio 

 

Iscrizione avvenuta correttamente, grazie!

Iscriviti allaNewsletter

...e scarica subito gli estratti di Parti quando vuoi e di Superare il Colloquio di Servizio Civile!

Hai effettuato l'iscrizione! Controlla la mail.